Un libro, un autore, la sua immagine pubblica. La grafica di un libro non si ferma alla copertina

In questo gli anglosassoni sono maestri e spesso sulle quarte delle loro sovra-copertine appaiono fotografie di scrittori capaci di rubare la scena ai propri personaggi. 

Ma anche sulle quarte di copertina di volumi stampati molto più vicino a noi abbiamo scoperto ritratti d’autore che contribuiscono ad avvicinare lo scrittore al fascino dei suoi personaggi. Così siamo andate a trovare il fotografo, il ravennate Giampaolo Solitro.

__________________________________________________

La nostra socia Giulia Reina, ormai specializzata in interviste, si è recata nello studio di Giampaolo Solitro, a Ravenna, al 17 di via Castel San Pietro, per domandargli se il ritratto di uno scrittore è diverso dagli altri ritratti che esegue e se il libro, e dunque le parole scritte, influenzano in qualche modo anche la fotografia.

ritratto di uomo con città per il blog viviamo le parole
Fotografia di Giampaolo Solitro – © tutti i diritti riservati

Dunque Giampaolo, nel tuo studio arriva uno scrittore, sei curioso di leggere quello che ha scritto prima di eseguire il suo ritratto?

In un ritratto da usare come immagine dell’autore di un libro, voglio avere più informazioni editoriali possibili, magari poter leggere prima il libro, conoscerne il settore. Questo mi aiuta a capire meglio chi sarà il fruitore della foto, quale pubblico leggerà il suo libro. Perché conoscere l’utilizzo di una fotografia è fondamentale. Così come è importante creare una relazione, instaurare un dialogo con la persona da ritrarre per entrare in empatia, capire come vuole apparire, quale immagine di sé vuole dare in quel particolare contesto lavorativo. Recentemente una giovanissima cantante lirica mi ha chiesto degli scatti per il curriculum e per i social. L’esperienza in quell’ambiente di lavoro, fatta tanti anni fa come aiuto truccatore, mi ha aiutato tantissimo. Mi sono reso conto che il pubblico di appassionati percepisce i cantanti come fossero delle divinità. Quindi l’immaginario da esprimere, dal mio punto di vista, deve soddisfare quel tipo di sentimento: espressione altera, sicurezza, mantenendo però un elemento di dolcezza e moderata accoglienza. Le ho detto di venire con i vestiti che usa quando canta, la stessa pettinatura e trucco per utilizzare questi elementi come punto di partenza. E’ fondamentale la fase conoscitiva, il dialogo e l’interazione che precedono gli scatti. Più questa fase è ricca, più sono aiutato a entrare in empatia col soggetto e a capirlo. Diventa uno scambio di appropriazione dell’altro, in cui il soggetto si ricompone nel ritratto attraverso la mia interpretazione. Aiuta molto che il soggetto mi piaccia, che mi “prenda”, come persona più che dal punto di vista estetico. L’estetica a volte è fuorviante, ci si “adagia” sul viso piacevole, che non sempre rappresenta l’essenza che si desidera esprimere. Gli scatti ovviamente si avvalgono dell’esperienza del lavoro in sala di posa, dell’uso della luce per valorizzare o meno certe caratteristiche del volto. Ritraggo il soggetto, come lo vedo all’interno del suo contesto.

ritratto di donna per blog viviamo le parole
Fotografia di Giampaolo Solitro – © tutti i diritti riservati

Dopo la fase conoscitiva arriva il giorno in cui fai gli scatti e poi incominci a scegliere i migliori. Quali sono i tuoi criteri di scelta?

Il giorno della posa eseguo un numero di scatti sufficiente a “cogliere la particolarità” della persona. Da quel momento incomincia la cernita. Tolgo gli scatti simili per luce ed espressione, lasciandone circa il 30% che ottimizzo al computer con un programma di post-produzione. Durante questa fase, individuo i due o tre scatti che ritengo essere i più significativi e scarto ancora quelli che si discostano maggiormente da questo “centro”, fino ad arrivare a 15/20 scatti da sottoporre al cliente. La scelta finale si opera insieme.

Per finire, Giampaolo, descriviti… fatti una foto!

Giampaolo Solitro, per passione… fotografo!

Giampaolo solito fotografo

Tutte le immagini presenti nell’articolo sono di Giampaolo Solitro – © tutti i diritti riservati.

L'articolo ti ha interessato? Hai domande? Saremo contente di leggere i tuoi commenti!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.